^ Back to Top

Tel: 349.3720221


mail: info@ri-abilita.it

tecar terapia

Tecar terapia

Si tratta i una ipertermia e di una biostimolazione mediante trasferimento energetic per atto capacitivo-resistivo dove si usano i meccanismi naturali del sistema immunitario per riparare e tessuti e rigenerare determinati meccanismi soprattutto muscolari. A seconda del livello di trasferimento energetico a cui si decide di operare si ottengono risultati diversi:

BASSO LIVELLO: biostimolazione ultrastrutturale cellulare con aumento delle trasformazioni energetiche e del consumo di ossigeno;

MEDIO LIVELLO: aggiunta di un iniziale incremento della temperatura interna e di una vaso dilazione del circolo con relativo aumento del flusso locale;

ALTO LIVELLO: minore biostimolazione ma effetto francamente termico con maggiore vasodilatazione e notevole aumento del flusso emolinfatico.

Indicazioni terapeutiche: è una nuova terapia che si pone come evoluzione delle terapie termiche ed elettromagnetiche ed è soprattutto indicata nelle patologie del locomotore:



Avvertenze: sono fermamente controindicate nei casi di patologie neoplastiche, nei casi di parestesie e nei casi di parestesie e nei casi di gravidanza.



tecar al ginocchio tecar grafico tecar alla schiena tecar

Endosit terapia

endosit terapia

Endosit è uno strumento nel quale confluiscono due mondi, quello della radiofrequenza diatermica endogena e quello dei micro-impulsi in grado di svolgere un’azione di trasporto molecolare per via transepidermica.
Questo strumento utilizza una doppia immissione di radiofrequenza, tale da svolgere più azioni quali la modificazione dei tessuti attraversati creando un’ attività di spostamento delle cariche elettrolitiche con un innalzamento delle temperature localizzate, abbinata alla stimolazione per ottenere il mezzo di trasporto molecolare dei principi attivi posti in un adeguato composto in gel.

Winform ENDOSIT con elettroporazione è un dispositivo medico che permette, attraverso microimpulsi controllati da un impedenziometro, di trasportare transdermicamente principi attivi ad alto peso molecolare negli spazi interstiziali cellulari senza intermediazione del circolo ematico nella prima fase (es. farmaci, prodotti omeopatici, fitofarmaci).
È un metodo indolore, privo di effetti collaterali indesiderati e raggiunge profondità ottimali.
Winform ha studiato e prodotto appositi cocktail di fitocompositi per un raggiungimento di alte performance terapeutiche:

ipertermia

Ipertermia

L'ipertermia è una terapia fisica che consiste nello sviluppare, in una determinata parte del corpo, il calore necessario a fornire un effetto terapeutico, facendo sì che le zone circostanti non subiscano variazioni di temperatura. Nell'ortopedia sportiva molte terapie si basano sull'effetto del calore, anche se ciò può risultare in controtendenza con la comune applicazione del ghiaccio . È pertanto fondamentale capire l'azione della temperatura nel caso di infortunio. Il freddo serve nella fase acuta per bloccarel processo traumatico; il caldo serve nella fase cronica per aumentare la circolazione sanguigna e favorire i tempi di recupero.
Se un tendine d'Achille è dolente per un allenamento o un percorso troppo duri è ragionevole curarlo con ghiaccio solo se si adotta una strategia di successivo scarico. È del tutto erroneo trattare con ghiaccio un tendine dolente ormai cronicamente per avere la possibilità di continuare ad allenarsi. Il beneficio momentaneo (blocco del processo infiammatorio susseguente all'allenamento) è sicuramente poca cosa tenuto conto del fatto che si blocca anche il processo riparativo; in sostanza, la situazione con il ghiaccio non può migliorare se non si associano altri interventi. Prima considerazione da fare è che il freddo non cura, il caldo può farlo.

Lehmann ha quantificato l'entità dell'iperemia (aumento della quantità di sangue in un tessuto) in funzione dell'innalzamento locale di temperatura, evidenziando l'importanza di lavorare fra 41° e 45°C. In realtà, la curva di Lehmann mostra una saturazione oltre i 45 °C, rilevando che per avere benefici basta superare tale temperatura, senza ovviamente produrre ustioni!

I campi di applicazione dell'ipertermia sono molto vari e riguardano patologie muscolari (contratture , elongazioni, miositi ecc.), tendinee (peritendiniti, tendiniti, tenosinoviti, tendinosi, tendinopatie inserzionali), osteo-cartilaginee (periostiti, distorsioni ecc.), borsiti. Il principio alla base dell'ipertermia è del tutto valido, ma nel principio sta anche la limitazione della terapia: può solo accelerare i processi riparativi. In quest'ottica è genericamente una terapia soft, nel senso che non può fare miracoli. Se in alcuni casi il fattore di efficacia arriva al 50% in altri non supera il 10-15%, in altri è del tutto nullo. Prima di utilizzarla occorre definire pertanto la patologia in modo esatto, capendo soprattutto se è reversibile. L'applicazione immediata e indiscriminata rischia solo di rallentare i tempi di ripresa, confondendo la situazione. In genere può rientrare fra le terapie suggerite dall'ortopedico dopo l'opportuno periodo di stop dipendente dalla patologia. Un'avvertenza importante: poiché si basa sul principio di accelerare i processi riparativi appare del tutto fuori luogo affiancare l'ipertermia a una ripresa dell'attività che vanificherebbe i benefici della terapia, rischiando di allungare i tempi all'infinito.

Laseryag terapia

laser yag

Laseryag è un sistema di emissione laser ad alto dosaggio energetico, unico nel suo genere, creato per il trattamento delle patologie articolari e per la riabilitazione dei tessuti molli. Il rilascio dell'energia laser, abbinato ad una controllata e specifica lunghezza d'onda, permette di veicolare in modo efficace i tessuti.
Il sistema opera creando un riscaldamento localizzato del tessuto che stimola la cellula a rigenerarsi in modo più solido e strutturato. La terapia risulta essere semplice, veloce ed assolutamente indolore.
I risultati sono straordinari.

LASER WINFORM YAG 1064-975 HIGH DOSE 7500 mJ
E' il sistema che unisce due mondi al servizio del risultato. La capacità di imprimere contemporaneamente due specifiche lunghezze d'onda le quali vengono assorbite prevalentemente dai cromofori dell'emoglobina.
Il 975 nm ha una pecularietà nelle patologie infiammatorie impremendo un'alta velocità di reazione.
Il 1064 nm è l'eccellenza nella biostimolazione dei tessuti, velocizzal'attività di recupero funzionale. E' un dispositivo che eroga 7500 mJ su una superficie di 8 cmq al secondo trasferendo ad oltre 5 cm di profondità energia in grado di sviluppare l'effetto terapeutico desiderato.

onda d'urto

Onda d' Urto terapia

La terapia con onde d'urto o ESWT (Extracorporeal ShockWave Therapy) sfrutta il fenomeno della cavitazione provocato da onde acustiche percettibili ad elevata intensità per curare patologie litiasiche delle vie urinarie, patologie ortopediche e neurologiche. Le onde d'urto producono microtraumi in grado di accelerare i processi biologici di riparazione dei tessuti: si attivano le forze di auto-guarigione, il metabolismo migliora, l'irrorazione sanguigna aumenta e il tessuto danneggiato si rigenera e guarisce.

Di seguito sono elencate le principali patologie trattabili con le Onde d'Urto:

Spirotiger terapia

spirotiger

E' uno strumento che permette di allenare in maniera intensa e specifica i muscoli che presiedono alla respirazione è lo SpiroTiger (vedi figura).
Questo sistema di allenamento di resistenza per la respirazione, nasce nei laboratori di Fisiologia del Politecnico di Zurigo grazie agli studi svolti dal prof. Urs Boutellier, suo inventore nonché esponente mondiale per tutto ciò che riguarda il sistema muscolare respiratorio. Lo strumento si compone di una manopola portatile dotata di una sacca di respirazione in silicone e una stazione base. Nella manopola portatile è presente l’unità centrale, all’interno della quale risiede una valvola sospesa in un campo magnetico grazie alla quale il training può svolgersi rispettando i parametri precedentemente impostati (quali quelli relativi al volume della sacca di respirazione utilizzata e alla frequenza di respiro). Attraverso un sistema di sorveglianza elettronico facilmente utilizzabile, l’allenamento si svolge in maniera sicura e precisa.